MIMI

GALGO
MIMI
Femmina
2016
taglia piccola

MIMI: lasciata in canile dal suo proprietario.

Non si fida subito, vuole prima capire se può affidarsi o se invece è meglio non farlo; la vita le ha insegnato a essere guardinga a non pensare solo positivo. Il suo approccio inziale è quello di tenerti a distanza con un abbaio, vorrebbe spaventarti ma non ne è davvero capace e pian piano, dandole il tempo di decidersi, accettando con estrema tranquillità il suo bisogno di studiarti prima di affidarsi, Mimi si scioglie, si mostra per ciò che è davvero, che vorrebbe diventare: una creatura allegra, socievole, scodinzolina, che adora la compagnia degli altri cani, che adora giocare a corrersi dietro, prendere il sole, curiosare quando arrivi per vedere se in mano hai qualche dolcetto anche per lei.

 

Per Mimi la presenza di un altro cane è fonte di sicurezza, la aiuterà a sciogliere le sue riserve più velocemente. Si bambini non troppo piccoli. Persone che sappiano rispettare i tempi di Mimi senza forzarla e facendole comprendere che la sua vita è cambiata davvero, che può essere semplicemente spensierata e felice.

 

Test gatti ok

3 commenti
  1. Ugo Orzincolo
    Ugo Orzincolo dice:

    Salve, abito a Forlì nei pressi di due grandi parchi comunali, ho 56 anni e ho sempre avuto cani adottati e mai da cuccioli. Da qualche tempo sono molto colpito dalla bellezza e dalla storia dei levrieri provenienti dalla Spagna ma per varie ragioni potrei adottare un cane non troppo alto, dai 20 KG in giù e per mio desiderio di sesso femminile. La nostra MIMI rientra in questi requisiti? Per quanto riguarda le sue esigenze di avere rispettati i suoi tempi di inserimento posso garantire personalmente in quanto vivo in una villetta a schiera di 180mq insieme ai miei genitori anziani e avrebbe la comodità di scegliere il suo posto per potersi sentire al sicuro e libera da intrusion.A proposito… Non ci sono bambini!! Abbiamo già avuto una esperienza con un cane con problemi adottato nel canile di Taranto. Era una femmina di pitbull che nel box appariva profondamente depressa. Nel giro di un paio di mesi è diventata la cagnolina più adorabile e partecipe della vita familiare che si potesse desiderare. Ora avrei una domanda da fare… Nel caso l’adozione di MIMI o di un altro levriero dovesse andare in porto sarei tenuto a corrispondere una cifra a titolo di rimborso spese?? Saluti

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Rispondi a Ugo Orzincolo Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *